Mese: ottobre 2018

I compensi professionali devono rispettare il decreto parametri

Con la sentenza n. 331/2018 il Tar Abruzzo ribadisce che: “le amministrazioni aggiudicatrici non sono libere di stabilire il corrispettivo a base di gara delle prestazioni di progettazione e direzione dei lavori, perché tanto equivarrebbe a dare un’interpretazione abrogativa del comma 8 dell’art. 24 del decreto legislativo n. 50/2016 (codice dei contratti pubblici)”. I FATTI IN BREVE Con un ricorso: dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Teramo e dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Teramo contro: la Regione Abruzzo la Centrale di Committenza “Unione dei Comuni Città Territorio Val Vibrata” il Comune di Civitella del Tronto si chiedeva l’annullamento di una gara indetta dal Comune di Civitella del...

Read More

Per cambiare il classamento catastale occorrono motivazioni dettagliate

È illegittimo l’accertamento catastale che non indica in modo specifico e puntuale gli elementi che hanno condotto ad un diverso classamento del fabbricato. Proprio per l’automatismo che potrebbe caratterizzare questi provvedimenti, occorre una motivazione dettagliata. E’ questo quanto stabilito con l’ordinanza n. 23130 del 2018, dalla Corte di Cassazione, allegata alla presenza. Il caso in esame. Una contribuente ha impugnato un avviso di accertamento catastale con il quale l’Ufficio aveva variato il classamento di un proprio immobile. Entrambi i giudici di merito hanno annullato il provvedimento perché viziato da carente motivazione e l’Agenzia ha fatto ricorso in Cassazione lamentando un’errata...

Read More